1 marzo 2011

Prendila "sfusa"...

La nuova frontiera della birra artigianale potrebbe passare da Spinea (Venezia)? Me lo sono chiesto quando i fari dell'auto hanno illuminato per un attimo questo cartello lungo la strada che mi riporta a casa (quella "natale". Mi sono incuriosito parecchio per quel termine "sfusa" che per la prima volta vedevo applicato alla birra e, per di più, in un'enoteca. Così il giorno dopo eccomi alla porta di un'enoteca che conoscevo da anni per l'onesto Merlot del Piave venduto, per l'appunto, sfuso. La proposta oggi si è arricchita pur restando ancorata al buono senza pretese. Niente SuperTuscan o etichette blasonate, ma del vino decente per chi ne fa un consumo quotidiano (ebbene sì, esistono ancora), poi qualche salume, dei formaggi, delle confetture e, incredibile ma vero, delle birre artigianali. Bottiglie del birrificio trevigiano San Gabriel, del beneventano Saint John's e parmense pluripremiato Birrificio del Ducato. Fin qui tutto bene, convengo con il gestore che, di questi tempi" non puoi proprio non tenere delle birre artigianali. Ma allo stesso tempo resto perplesso per il
fatto che di rappresentanti di birra artigianale "se ne vedono ormai tutte le settimane". Quello che si dice: conseguenze concrete del fenomeno del momento. Ma, bottiglie a parte (la Viaemilia da 33 cl va via a 4,90 euro), la mia attenzione si concentra sulla questione della "birra artigianale sfusa". Il trucco è facile facile, soprattutto forse perché io mi aspettavo chissà che cosa, e si concretizza in un impianto mobile alla spina fornito dal birrificio San Gabriel e da enne bottiglie, tappo metallico, sempre firmate San Gabriel. le bottiglie le prendi in comodato d'uso a 2,50 euro; il litro di birra, per ora solo la chiara ma si pensa presto ad aggiungere un'ambrata, costa 4,90. Tanto quanto una Viaemilia da 33. I paragoni economici mi interessano poco (sono convinto che sia il mercato a fare il prezzo), ma trovo tutto sommato simpatica questa idea della birra sfusa.

Il titolare e l'impianto della "birra sfusa"

Mi ricorda la vecchia abitudine, tuttora credo in vigore, di fare un salto alla Birreria Pedavena, quella storica dell'omonima fabbrica di birra, per bersi la Centenario, non pastorizzata e non filtrata, ed eventualmente farsi riempire un bottiglione da due litri per esigenze future. Bottiglione, come all'enoteca di Spinea, concesso in comodato d'uso. Insomma, è un'iniziativa che fotografa il momento di straordinaria vitalità per le birre artigianali. Se, da un lato infatti, Unionbirrai propone la "bottiglia unica", e ci torneremo sopra su questo argomento, alcuni birrifici propongono la "sfusa". Se alcuni birrifici cominciano a puntare su prezzi più bassi e, presumo, diffusione più allargata, altri invece tengono prezzi più elevati e diffusione più ristretta. Scelte diverse, indubbiamente. Non saprei dire, in tutta onestà, chi vincerà. In realtà, mi piacerebbe che vincessero tutti.

8 commenti:

Luca ha detto...

Bella questa idea del San Gabriel, pratica e simpatica ( almeno per chi abita nei dintorni e conta di consumare di frequente il prodotto ). Se non sbaglio una cosa simile è diffusa anche nei brewpub americani. E poi appunto, 5 euro al litro al cliente finale non è male. Praticamente la metà di qualsiasi altra bottiglia venduta in maniera "tradizionale". Forse è una trovata valida ed efficace per capillarizzare l'abitudine alla birra "buona" ed eliminare lo spauracchio del prodotto elitario.
Poi chiaro, bisognerebbe assaggiarla per validare tutta la teoria :D

pivi ha detto...

Il growler da asporto e' una pratica abbastanza diffusa negli US, ci sono anche brewpub che non imbottigliano e l'unica maniera di portarsi a casa una birra e' questo (CBC di Cambridge/Boston ad esempio)

zeta-g ha detto...

Iniziativa interessante, e prezzo molto competitivo. Decisamente da diffondere.

francesca ha detto...

A Firenze lo faceva il Mostodolce in via Nazionale (non so se lo facciano ancora). E A Greve in chianti è possibile acquistare la birra sfusa alla Birroteca di Greve.

Schigi ha detto...

Arrivano sempre tutti dopo.

http://birrazen.blogspot.com/2010/04/linvasione-dei-lumbard-drinks-e-la.html

filoattivo ha detto...

Complimenti per il blog...Spero che tu venga a visitare il mio visto che l'argomento trattato è molto simile

LOSFUSO ha detto...

La grande novità!!!
ESCLUSIVA ITALIANA del marchio "SFUSO "!

BIRRA ARTIGIANALE imbottigliata e venduta sfusa...
Potrete trovare due Birre BALADIN a rotazione tra le loro produzioni
più un birrificio ospite, sempre a rotazione tra i migliori italiani!!!

Il vantaggio ecologico:
la bottiglia si acquista solo la prima volta e poi si consegna per il pieno!

Il vantaggio economico:
perchè 1 litro di ottima birra artigianale a partire da
6,50 euro al LITRO!

LOSFUSO
BIRROTECA ENOTECA PRODOTTI SFUSI & SELEZIONATI
VIA PASTRENGO 3bis ● 10128 ● TORINO ● Tel 011.505502
APERTO DAL MARTEDI AL SABATO DALLE 10 ALLE 20 (ORARIO CONTINUATO)

losfuso.torino@gmail.com
Tel:011/505502
http://www.wix.com/losfuso/home
LOSFUSO anche su facebook!

Anonimo ha detto...

a Roma il 4:20 lo fa da una vita.. molto comodo :)