8 febbraio 2012

Degustazione da brivido... freddo

Con il naso nel bicchiere
Ieri, mentre facevo una ricerchina in rete per trovare la denominazione esatta di un certo vino mi sono imbattuto nella sua scheda descrittiva compilata da un celebre degustatore. Mentre leggevo una riga dopo l'altra, un brivido freddo cominciava a farsi sentire sulla schiena. Ecco le, quantomeno immaginifiche, parole:
"Sensazioni:  eccellente dolcezza sin dal primo contatto olfattivo. Morbidamente il campione svela se stesso: quel vino privo di picchi, quel vino che ha preso il legno senza essere da questo fumosamente, artatamente coperto di spezie, quel vino il cui profumo, del suo frutto originario, fedelmente riporta freschezza, succosità e maturità profonda. Un vino dal tatto fittamente maestoso, di potenza alcolica eccellente, che per via della souplesse e della dolcezza mentosa del suo gusto-aroma pare francamente non avere la massiva fittezza che svela polposa il suo tatto, tannicamente tramoso. Campione tanto di possanza quanto di nitida, viva fragranza. Enologia esecutiva che non altera in nessun modo l'integrità d'aroma di questo rotondo e vivido frutto."
Il mio modesto intelletto non mi permette di ascendere alle vertiginose vette di questo tipo di scrittura, mi scuso con i miei quattro affezionati lettori. Credo che buona parte della stanchezza che percepisco in giro riguardo al mondo del vino, letteralmente vivisezionato da esperti togati e poeti d'avanguardia, sia dovuto a questo tipo di degustazioni...
Comunque, qualora dovessi indulgere a una simile prosa (ommiodio, mi è bastato leggere e fare copiaincolla e forse ho già pigliato il virus...), vi autorizzo ad additarmi al pubblico ludibrio....
E, a proposito e senza ricorrere a Google, chi indovina l'autore di tale recensione enologica?

5 commenti:

Voppe ha detto...

Direi uno che rompe i maroni :-)

Filippo Garavaglia ha detto...

non ho idea di che vino si tratti ma di sicuro non mi ha invogliato ad assaggiarlo, poi se il sommelier in questione sia un genio e abbia dei clienti che si lascian convincere da una descrizione tale, bravo lui.

marco ha detto...

Luca Maroni?

Maurizio ha detto...

Indovinato! Beh, era abbastanza facile dai...

Bossartiglio ha detto...

E' un recidivo ;)

http://www.intravino.com/persone/nessuno-osi-spernacchiare-luca-maroni-prima-del-mio-via/