6 dicembre 2010

Pianeta Birra? E' a Milano...

Vabbé si fa per dire, ma se avrete la pazienza di guardare le foto in questo post e, allo stesso tempo, siete dei veterani della fiera birraria riminese, troverete delle inquietanti similitudini con quella che una volta era la fiera di tutte le fiere, l'evento birroso più importante e più atteso dell'anno. Almeno fino a quando non ha deciso di abbassare il vessillo e autodefinirsi "Selezione Birra". Ignorando, dannazione, la mia molto più brillante definizione alternativa, che avrebbe almeno mantenuto una connotazione "stellare" al tutto. Comunque sia, l'Artigiano in Fiera è, da quando la frequento, la fiera più "mostruosa" che abbia mai visto. D'accordo l'ingresso è gratuito, d'accordo siamo praticamente sotto Natale e, sempre d'accordo, si mangia e si beve (a pagamento però) e si trova qualunque regalo dell'ultima ora vi possa venire in mente. Il risultato tuttavia si riassume in questa foto: una scena quasi "oceanica" che nemmeno al Salone del Gusto di Torino...

Un popolo in cammino
Anzi, visto che ci siamo, anno dopo anno l'Artigiano presenta sempre più similitudini con il Salone. Volete comprarvi della vera bottarga di muggine ? Nessun problema negli stand sardi. La N'duja? Raggiungete il padiglione calabrese. Biscotti al burro made in Normandy? Ci sono, ci sono. Idem per salumi di ogni dove e un sacco di altre cose buone da riempire dieci dispense. Ah, beh, manca spesso, ma non sempre, la dizione "Presidio" ma l'atmosfera da food hall c'è tutta. Tuttavia, gironzolando per i corridoi il déjà vu non era tanto con il Salone torinese, quanto appunto con la Fiera della Birra della Riviera Romagnola. Mi è venuto quasi un colpo quando, girato un angolo, mi è apparso, come il monolite di 2001 Odissea nello spazio, questo enorme boccale di birra. D'accordo, ero nell'area tedesca ma gli stand birrari costituivano quasi una Bier Strasse...


Ein Prosit

Poche chiacchiere "lavorative" certamente, ma tanta birra. Dalla Baviera, dalla Franconia.... Aktien e Beckbrau, Maisel's e Kulmbacher. A questo ultimo stand, tra l'altro, ho avuto modo di registrare un'altra defezione per la prossima Rimini. Ma tant'è...  Nel 2011 chi ci sarà? I birrai artigiani italiani? Ovvio, ma alcuni sono già qui. All'Artigiano di Milano.... Camminando senza bussola ho visto: SorA'laMA', Birrificio Abbà, Birra di Fiemme, Teddy Bier, l'Officina della Birra, il Birrificio Lariano e so che anche qualche altro aveva il suo stand. Aggiungeteci una specie di Guinness Pub e l'orchestrina da Oktoberfest e, ripeto, l'aria da

L'artigianale di Vercelli
Pianeta Birra di una volta ci sta tutta. O quasi. Perché, ovvio, questo è un post leggermente "tirato", ma visto che non so davvero cosa attendermi dalla Selezione Birra di Rimini, sparo la mia "ultima cartuccia". Ovvero, visto che a Rimini per la birra non ci va quasi più nessuno (e non mi riferisco agli appassionati, parlo di stampa e operatori), in Unionbirrai sono sempre convinti che fare la cerimonia di Birra dell'Anno sulla Riviera sia proprio una buona idea? Secondo me, a Milano uno spazio lo si trova.... Magari proprio all'Artigiano in Fiera!

2 commenti:

lelio bottero ha detto...

ciao Maurizio,
giusta osservazione la tua sulla centralità di Milano e sull'importanza anche economica che questa riveste. Il concorso Birra dell'anno continua a tenersi a Rimini (anche se alcune candidature alternative sono già state proposte) per alcuni motivi. La fiera è (pur con le dovute eccezioni) del settore e non multi multi. Si vuole non centralizzare tutto a Milano (che già gode con Roma di eventi e altre iniziative). L'ente fiera riminese offre disponibilità e collaborazione. Ovviamente per l'edizione 2011 gli accordi sono già in essere. UB, come sai e come hai in parte scritto nel post precedente, rinnoverà parecchie cose già a partire da questo mese (con la variazione di alcuni punti dello statuto), non si esclude quindi che dal prossimo anno nascano soluzioni alternative anche al concorso "Birra dell' Anno"

Maurizio ha detto...

Ciao Lelio, ti rispondo con qualche giorno di ritardo... Tu hai senza dubbio capito che il mio post era, volutamente, "tirato" nel senso che non me la vedo la Birra dell'Anno all'Artigiano in Fiera. Tuttavia vorrei farti riflettere che una fiera della birra con sempre meno appeal, per la stampa non per gli appassionati, come quella di Rimini potrebbe ripercuotersi sulla comunicazione della stessa Birra dell'Anno. Ovvero: meno giornalisti presenti=meno articoli o articoli semplici da comunicato stampa a posteriori. A mio avviso serve un maggiore coinvolgimento della stampa italiana di settore, gastronomico in generale e Milano, si sa, è la sede di tutte o quasi le riviste... E visto che ci siamo: qualche anticipazione sui giudici?